Flatcoated Retriever
Norwich Terrier

 
   Home    Storia   Flatcoated    Norwich   FC&P    News
   Norwich   Standard    Storia   Personaggi   Album

Storia della Razza

Il caso ha giocato molto nell'evoluzione di questa razza che vede le sue origini verso la fine del secolo scorso quando alcuni studenti, per dare la caccia ai topi, introdussero nei collegi di Cambridge dei cani chiamati Trumptington Terrier, razza derivante dall'incrocio fra l'antico Yorkshire Terrier, di mole ben più grande dell'attuale, ed il piccolo Irish Terrier. Uno di questi cani, dal lungo pelo setoso, si accoppiò con una piccola femmina dal manto liscio di colore brizzolato scuro, molto simile alla razza allora conosciuta come Aberdeen Terrier.


Rags, un Trumptington terrier.Un loro figlio approdò nella regione di Norwich. RAGS, questo il suo nome, era un cane di piccola taglia con un folto, pelo duro di colore rosso e con un ciuffo setoso sul capo che lo faceva assomigliare moltissimo ad un Cairn Terrier. Questo soggetto fu usato spessissimo con ottimi risultati dagli allevatori di terrier del luogo per i loro incroci per cui si ritiene di poterlo a ragione considerare il progenitore anche del Norwich Terrier.
Nonostante incroci con i più diversi tipi e colori quali un Black and Tan Terrier, un Fox Terrier a pelo ruvido, una cagna tutta bianca (che si pensa fosse il risultato fra un Dandie Dinmont Terrier e un FoxTerrier a pelo liscio), un piccolo Glen of Imaal Terrier e un Trumptington Terrier brizzolato, il colore rosso di Rags fu sempre dominante in tutti i suoi cuccioli. Questi piccoli terrier rossi furono a loro volta incrociati spesso con altri piccoli terrier rossastri provenienti dall'East Anglia dando vita a soggetti che divennero molto popolari e destarono per le loro qualità un tale entusiasmo da indurre gli appassionati terrieristi del tempo a dedicarsi fattivamente per la stabilizzazione dei caratteri e del tipo.
Questi gli inizi.

Smudge, BOB alla prima esposizione per Norwich in Inghilterra, nel 1932.Dopo la prima guerra mondiale anche il Bedlington Terrier e lo Staffordshire Bull Terrier contribuirono alla formazione della razza e, prima della seconda guerra mondiale, anche il Cairn Terrier fu usato da molti allevatori.
Da qui il Norwich Terrier in breve tempo acquistò il suo tipo definitivo.
Il Kennel Club inglese ha riconosciuto la razza nel 1932 accettando entrambi i portamenti di orecchie (erette ed abbassate).

Gli allevatori, visto che incrociando i due tipi si ottenevano sia l'uno che l'altro portamento di orecchie, si orientarono verso l'allevamento separato dei due tipi.

Da ciò risultò che nel 1964 il Kennel Club procedette alla divisione in due razze: i cani con orecchie erette mantennero il nome di Norwich Terrier ("dritte come la torre campanaria della cattedrale di Norwich!" dicono i loro fan) e quelli con le orecchie abbassate assunsero il nome di Norfolk Terrier ("piatte come le terre attorno a Norfolk!" asseriscono i sostenitori del Norwich).

Da sinistra:  Rufus The Red Knight; Ch. Biffin Of Beaufin (il primo campione inglese);  Neachley Orange.

Da sinistra:
Rufus The Red Knight; Ch. Biffin Of Beaufin (il primo campione inglese); Neachley Orange.

Sia il Norwich che il Norfolk hanno in Inghilterra ed in America proprie associazioni specializzate che ne curano il miglioramento e la divulgazione. In Italia esiste la S.I.T. Società Italiana Terrier, che si occupa di tutti i Terrier in generale.

Ed ora qualche notizia sul rapporto tra il Norwich e l'uomo: esso è perfetto, ideale, perché all'istante si instaura quella particolare, unica, irripetibile sensazione che gli inglesi chiamano "Terrier vocation".
Il Norwich è un cane robusto, affettuoso, attento, curioso, giocherellone ed estremamente coraggioso. Possiede un'innata gagliardia e, come tutti i terrier, una sorprendente capacità di evitare le malattie.
È sempre all'erta, sospettoso verso gli estranei. La sua curiosità denota intelligenza come la naturale allegria è il segno della sua gioia di vivere.
Si adatta quindi ad ogni genere di vita, purché nei suoi confronti non si voglia mettere in atto alcun "abuso di potere". Il Norwich deve sentire di essere amato e nessun altro saprà come lui restituire moltiplicata la devozione al proprio padrone.
Non richiede particolari cure, il suo pelo ruvido non vuole speciali attenzioni se non una sfoltita due/tre volte l'anno.
Se tenuto in appartamento, non ama il caldo eccessivo e deve fare un frequente, giornaliero esercizio in quanto, se lasciato inattivo, tende ad ingrassare: una buona scusa in più per il padrone per fare un po' di movimento.

Raramente si trova in un cane cosi piccolo un tale concentrato di qualità!

SERILDE, affisso riconosciuto da:
E.N.C.I. Ente della Cinofilia Italiana
F.C.I. Féderation Cinologique Internationale

Anno di costituzione: 1981
Codice: 97819
Sigla di riconoscimento (tatuaggio): RPS


Sergio Russo, Località San Carlo, 58043 Buriano (GR)
Tel./Fax (+39) 0564 949602 - Cell. (+39) 349 2268505
Email:

Copyright © 2001 Allevamento Serilde. Tutti i diritti sono riservati.

Realizzazione a cura di Serilde